News

Giuliani S.p.A. si affida ai servizi cloud di WESTPOLE

 

Nel suo percorso di trasformazione digitale, la società farmaceutica punta sull'approccio ibrido: i servizi vengono erogati attraverso un'infrastruttura basata su sistemi IBM Power e tecnologie IBM Storage Flash Systems.

MILANO, 24 febbraio 2022.

Giuliani S.p.A., società farmaceutica italiana che opera dal 1889 nel segno dell’innovazione, della qualità, della ricerca e dell’integrità, si è affidata ai servizi cloud di WESTPOLE per allineare le proprie infrastrutture ai processi in modo flessibile e preservando al contempo una totale sicurezza nella gestione dei dati.

Negli anni, il portafoglio di Giuliani si è ampliato fino a 28 linee di prodotti in tre divisioni (salute del consumatore, medicina e farmaceutica), segnando una presenza significativa in settori importanti per la salute delle persone. Tuttavia, questa rapida crescita ha dovuto fare i conti con una maggiore complessità IT e un aumento dei costi, oltre che con la necessità di allineare le scelte IT alle esigenze di flessibilità, sicurezza, ricerca e innovazione stesse dell’azienda. Questi fattori hanno quindi portato l’azienda ad intraprendere un percorso di trasformazione digitale ed un passaggio al cloud ibrido. Giuliani si è, quindi, affidata a WESTPOLE, azienda europea con più di 40 anni di esperienza nei settori Cloud e Managed Services, che ha realizzato un nuovo modello di servizi cloud, erogati attraverso la più recente infrastruttura IBM Power Systems e IBM Flash Systems.

L’intervento di WESTPOLE si è configurato nella virtualizzazione dell’intera infrastruttura di Giuliani all’interno del proprio data center di Milano, prevedendo a valle anche un servizio di monitoring infrastrutturale e di data protection. Giuliani può godere ora di una infrastruttura altamente performante e aggiornata, potenziata da servizi di gestione in completo outsourcing.

WESTPOLE ha inoltre investito, nei primi mesi nel 2021, in un processo di aggiornamento infrastrutturale dei propri datacenter certificati Tier IV e AGID, con il massimo livello di protezione sia dai cyber-attacchi, sia da potenziali calamità naturali.

Grazie a servizi di gestione evoluti e a soluzioni infrastrutturali personalizzabili, Giuliani ha adottato un modello di cloud ibrido, facendo leva sul modello "as a service" per ogni esigenza aziendale tra cui: data protection, observability e monitoraggio, cloud security e gestione di ambienti ibridi e multi-cloud.

La nostra azienda, da sempre votata all’innovazione tecnologica e al progresso delle soluzioni, necessitava di intraprendere un percorso di trasformazione anche in ambito IT, afferma il dott. Gaetano Colabucci, Direttore Generale di Giuliani S.p.A, “La scelta del cloud ibrido è stata una conseguenza naturale, perché ci ha permesso di eliminare la complessità di gestione delle infrastrutture e di beneficiare, al contempo, di una totale sicurezza del dato e di una scalabilità delle risorse in funzione delle necessità del nostro business. Tutti elementi che abbiamo ritrovato nel servizio di WESTPOLE”.

Questo nuovo modello di gestione del servizio IT in cloud è reso possibile dall’accordo ESA (Embedded Solution Agreement) tra WESTPOLE e IBM che, per la prima volta in Italia, è stato siglato per la costruzione di una infrastruttura cloud basata su tecnologie IBM Power systems e IBM Storage.

Crediamo fortemente nell’evoluzione dell’Hybrid Cloud e la partnership con IBM, leader nell’Open Hybrid Cloud, è strategica per lo sviluppo della nostra attività di System Integrator e Service Provider, dichiara Matteo Masera, General Manager di WESTPOLE Italia.Il nuovo accordo consolida un rapporto pluriennale e rappresenta un passo avanti verso l’obiettivo comune di costruire servizi di Hybrid e Multi Cloud per le imprese che ricorrono ai servizi gestiti per una maggiore scalabilità e sicurezza dell’IT e del business”.

 

Tag: Digital Transformation, IBM, cloud