Blog

Data cloud storage in outsourcing: 5 vantaggi per il business

L’uso del Cloud nelle sue diverse declinazioni è tutt’altro che temporaneo: le aziende hanno bisogno di data storage sempre più performanti e spazi di archiviazione sempre più consistenti per custodire la mole di informazioni strategiche in loro possesso – una quantità destinata ad aumentare di anno in anno. Infatti, secondo Statista1 il volume complessivo di Data utilizzati al mondo è destinato a superare i 180 Zettabyte entro il 2025 (nel 2020, pari a 64,2 Zettabyte) con un incremento che si avvicina al 200%.

Di conseguenza, lo spazio di archiviazione necessario ad un’organizzazione può facilmente rendere poco convenienti ed efficaci le tradizionali soluzioni on-premises, soprattutto per una questione di costi di ingresso e difficoltà gestionali. Si pensi, per esempio, al monitoraggio e al controllo degli accessi da parte degli utenti, ma anche dei dati stessi e alla ridondanza per i casi di disaster recovery.

La soluzione ideale è rappresentata dai data cloud storage in outsourcing, che consentono alle imprese di delegare oneri e complessità del servizio verso un provider qualificato.


I vantaggi dei data cloud storage in outsourcing

La possibilità di esternalizzare soluzioni tanto complesse costituisce senza dubbio un macro-vantaggio a favore dei data cloud storage gestiti. Vediamo, però, nel dettaglio quali sono le caratteristiche vincenti di queste soluzioni.


1. Uptime elevato

L’uptime è la percentuale di tempo durante il quale i servizi (e l’hardware, nel caso delle soluzioni on-premises) sono completamente operativi. Nella fattispecie, una gestione in Cloud offre, anche a livello contrattuale, uptime molto vicini al 100% e tempi di riattivazione dei servizi molto rapidi anche in caso di eventi davvero gravi. La possibilità di utilizzare soluzioni multi-cloud, poi, permette di migliorare ulteriormente le prestazioni in questo contesto.


2. Agilità di implementazione

Oggi, per ospitare l’interezza dei dati aziendali servono infrastrutture che si avvicinano, nell’architettura e nella complessità, a veri e propri datacenter. Questo richiede investimenti considerevoli sia in termini economici, che per quanto riguarda lo spazio occupato e le tempistiche (che possono superare i sei mesi in molti casi). Ospitare i dati presso data storage in cloud gestiti permette di ridurre considerevolmente tempi di installazione e configurazione della soluzione.


3. Scalabilità

Soprattutto in ambito aziendale, uno dei problemi più grandi è l’imprevedibilità con cui le necessità di storage tendono a crescere. Nelle soluzioni tradizionali questo significa rischiare di doversi impegnare con nuovi investimenti strutturali per soddisfare le necessità di crescita. Nelle soluzioni in Cloud, invece, le risorse disponibili, a fronte di opportune rimodulazioni dell’offerta, sono teoricamente infinite e semplici da regolare in base alle proprie esigenze nel tempo.


4. Gestione dei costi

La tecnologia, soprattutto quella più avanzata, ha costi considerevoli, soprattutto quando la spesa è a carico di una sola azienda. Il Cloud permette di ottenere le soluzioni più innovative ma soprattutto una minimizzazione del rischio in termini di acquisizione di competenze e risorse. Al contempo, permette anche una distribuzione più sostenibile dei costi, dal momento che non è necessario effettuare gli stessi investimenti iniziali che servirebbero per l’acquisizione delle tecnologie e la costruzione di una soluzione interna.


5. Connettività più funzionale

Anche nei casi più fortunati, soprattutto in Italia, è decisamente improbabile che una singola azienda disponga dello stesso livello di connettività di un datacenter. Utilizzare una soluzione di data cloud storage in outsourcing significa anche poter utilizzare una connettività migliore, sia per capacità, che per latenza.


Il vantaggio di una gestione completa

Oltre ai vantaggi tipicamente funzionali, i data cloud storage in outsourcing presentano anche alcune caratteristiche legate all’infrastruttura stessa e alla capacità degli IT provider che li offrono di aggregare i bisogni di più imprese, così da godere di economie di scala tali da distribuire meglio i carichi di lavoro e di ottenere dei cost saving significativi. Inoltre, rispetto ad una soluzione interna, il cliente può accedere a strumenti di analisi avanzata messi a disposizione del provider che permettono di avere immediata visibilità sulle proprie risorse aziendali, ma anche disporre di servizi di monitoraggio dello stato della rete offerti tipicamente da service provider completi come i system integrator, che garantiscono una maggiore efficienza e un miglior livello di controllo rispetto alle soluzioni non gestite.


1 Fonte: Statista


Scritto da 
Salvatore Ferraro - Head of Presales icons8-colore-50

White Paper - Digital Workplace: le soluzioni per il modello ibrido e le risorse nella new economy

Tag: Cloud