Blog

Multicloud governance: perché scegliere le soluzioni flessibili di WESTPOLE

scritto da Salvatore Ferraro il 13 aprile 2022

I dati sono chiari: l’89% delle aziende che ha scelto il cloud ha deciso di puntare sul multicloud. Una decisione che si è rivelata efficace nella maggior parte dei casi, ma che ha posto le organizzazioni di fronte al problema della multicloud governance. Questo è quanto riporta l’indagine State of the cloud 2022 di Flexera1, dove emerge chiaramente come ormai il cloud non sia più una tendenza ma una solida realtà. Così, dopo un approccio iniziale in molti casi forse un po’ troppo precipitoso, è il momento di fare un po’ di chiarezza e di capire come gestire al meglio le potenzialità del cloud per ottenere reali vantaggi. E in questo l’aiuto di un partner come WESTPOLE risulta essenziale.


Una scelta matura

Il multicloud presuppone una riorganizzazione delle componenti dei sistemi informativi di un’azienda all'interno di piattaforme differenti e di ambienti diversi e, quindi, anche di diversi provider. Per policy, per interesse o per opportunità, un’organizzazione può decidere di non avvalersi esclusivamente di un unico provider di servizi e quindi sceglie di “differenziare” i cloud sui quali appoggiare i suoi sistemi informativi. Questo perché l’ambiente di un hyperscaler piuttosto che quello di un cloud privato hanno caratteristiche che rendono uno l’ideale per un certo carico di lavoro e l’altro per il resto della propria infrastruttura tecnologica (con conseguente miglioramento delle performance generali). Allo stesso modo, di un cloud si può sfruttare la parte infrastrutturale, di un altro quella di PaaS (Platform as a Service) e di un altro ancora quella di SaaS (Software as a Service).

Questa scelta rappresenta il raggiungimento di una maturità in termini di conoscenza e organizzazione dei propri sistemi informativi, ma è qualcosa che difficilmente un’azienda riesce a fare in totale autonomia. Il cloud è infatti complesso e per ottenere i risultati attesi bisogna conoscerlo bene altrimenti si rischia di commettere passi falsi. E rimediare può non essere semplice.


Multicloud governance: un percorso basato sulle competenze

Grazie alle sue conoscenze architetturali, gestionali e sistemistiche, WESTPOLE si fa carico di predisporre un percorso insieme all’azienda che, partendo da un sistema informativo on premises, arriva a permettere di sfruttare al massimo le opportunità che offre un ambiente multicloud. Alla base di questo percorso ci sono competenze che sicuramente non sono presenti all’interno dell’azienda committente e solitamente neanche presso diversi service provider. Si tratta di skill differenziate che vanno oltre gli ambienti specifici e che consentono di ridisegnare completamente un'infrastruttura, un progetto completo per il cliente per poi accompagnarlo nel percorso di migrazione.

Il passaggio al cloud non può infatti essere uno shift and lift puro e semplice da un ambiente on premises, ma piuttosto una progressiva transizione per cogliere tutte le opportunità che oggi il cloud, nella sua essenza complessiva, rende effettivamente disponibili, compresi anche gli aspetti economici. Oggi la multicloud governance offre la possibilità di “spostare” parte dell'infrastruttura, parte della piattaforma e parte delle applicazioni da un ambiente cloud all'altro a seconda delle esigenze e delle possibilità economiche del momento.


La flessibilità delle soluzioni WESTPOLE

Oltre alla propria competenza, WESTPOLE mette poi a disposizione delle aziende il Cloud Platform Management: un sistema di orchestrazione per la multicloud governance che consente di avere una visualizzazione dei propri ambienti, delle applicazioni, dei workload, dei consumi, dell’effettiva infrastruttura in uso piuttosto che di tutte le risorse messe a disposizione o la loro gestione. Pertanto, WESTPOLE supera il ruolo “classico” del service provider che sul cloud mantiene autonomamente la gestione dell'ambiente (infrastruttura, piattaforme e applicativi), accompagnando invece l’azienda in un percorso di rinnovamento nell'ambito della gestione quotidiana del cloud. Il cliente ha così una rappresentazione diretta dalle sue postazioni di lavoro che gli consente di mantenere la multicloud governance, una overview su tutti gli ambienti gestiti, e di confrontarsi - anche su base quotidiana - con il provider di servizi per intervenire, per correggere, per integrare o per alleggerire. Questo fa parte della flessibilità che WESTPOLE mette a disposizione dell’azienda nell’attività della configurazione complessiva degli ambienti cloud.


Un futuro sempre più multicloud

Come detto, il cloud è complesso. A questo contribuisce anche il fatto che sia un mondo in continua evoluzione. Infatti, gli hyperscaler integrano e popolano le loro offerte in maniera incessante per renderle sempre più esaustive e complete. L’obiettivo è soddisfare tutte le esigenze dei clienti. E anche cercare di anticiparle, se possibile. Questo porta a differenziare maggiormente le proposte e a rendere ancor più efficace il ricorso al multicloud. Tuttavia, scegliere non è semplice.

A spingere ancor di più verso il multicloud contribuisce anche il trend nella direzione delle “nuvole di settore”, ovvero cloud verticali sempre più specializzati e sempre più ricchi di opportunità.

A fronte di questa evoluzione, il supporto che può fornire una realtà come WESTPOLE, sia in termini di scelta che di governance multicloud, assume un’importanza sempre più fondamentale per consigliare al cliente la combinazione più opportuna tra le diverse offerte pubbliche ed ibride in continua trasformazione.


1 Fonte: Flexera


Scritto da Salvatore Ferraro - Head of Presales icons8-colore-50


White Paper - Digital Workplace: le soluzioni per il modello ibrido e le risorse nella new economy

Tag: Cloud